Curare uno strappo muscolare lombare

Il ritorno alla attività normale, dopo aver provato l'esperienza di uno strappo muscolare lombare e averlo curato nell'immediato, deve tener conto di alcuni accorgimenti e precauzioni.

1. L'uso di una fascia di protezione contribuirà a mantenere più stabile il tronco e a prevenire una recrudescenza del dolore alla schiena.

2. Modificare i movimenti per ridurre lo stress sulla parte bassa della schiena. Due semplici, ma efficaci, precauzioni possono essere:
- stare seduti dritti e con una naturale curva nella parte bassa della schiena. Ci sono cuscini e sedie che aiutano a mantenere una posizione corretta.
- Sollevare i pesi utilizzando le ginocchia e non la schiena 

3. Con un po' di buon senso iniziare a rafforzare i muscoli bassi della schiena. Un po' di esercizio gli farà bene e contribuirà a prevenire ulteriori episodi di dolore alla schiena. Se i muscoli sono forti hanno meno tendenza ad infortunarsi.

4. Attenzione ai piedi! Se i piedi non sono rettilinei, stabili, o sono deboli, la parte bassa della schiena sarà sottoposto a forze di compensazione: i muscoli della schiena tenteranno di mantenere il corpo dritto. Tale compensazione può causare pericolose contrazioni e dolori.

Ourhealthnetwork

Articoli correlati:

- sintomi di uno strappo muscolare lombare

- Strappo muscolare lombare: cosa fare?

 

Test

Nell'ultimo mese quante volte hai avuto mal di testa?
Compila il test e riconosci i tuoi sintomi.

NEWS

No al dolore cronico

Mercoledì 1 Ottobre Il 27 settembre scorso 100 città italiane hanno detto no al dolore cronico che colpisce circa 12 milioni di persone nel nostro Paese, ma sul quale non esiste una corretta informazione

Mal di testa da lavoro fuori orario

Venerdì 26 Settembre La tecnologia ci permette di lavorare ovunque e a qualsiasi ora, ma questo aumenta il rischio di mal di testa, ansia e insonnia

Lavoro e mal di testa

Mercoledì 24 Settembre L'emicrania ha ripercussioni sulla vita lavorativa di chi ne soffre: il 72% dei pazienti italiani ha registrato difficoltà professionali